martedì 31 luglio 2007

fuori due.

Antonioni e Bergman muoiono l'uno a un giorno dall'altro.
sarebbe bello pensare a un astuto serial killer di cineasti moderni europei (per certi versi, come biasimarlo?) ma si tratta di banale vecchiaia e malattia.

nel caso di Antonioni, dire che perdiamo un grande regista è dire una belinata.
quello lo avevamo già perso una ventina d'anni fa.

3 commenti:

delu ha detto...

Io ero convinto che Bergman fosse morto da mo'...

maso.c ha detto...

pur'io... Antonioni invece lo credevo vittima della mogliettina manager rampante; forse era una buona terapia, ma leggo che ha dipinto l'ultimo quadro qualche settimana fa, pur non vedendo ...

però baskj ci aggiungerei una bandierina nera a questo post...posso?

baskjev ha detto...

puoi puoi...
cmq ricordiamoci che il terribile episodio di eros "firmato"antonioni è stato girato con il supporto della mogliettina che "interpretava" il suo movimento i ciglia per capire se un'inquadratura andava bene o no.