lunedì 26 marzo 2007

Little Miss Sunshine: quant’è bello il road movie!


Vincitore del Sydney Film Festival 2006, Little Miss Sunshine (in onore della piccola protagonista e del concorso di bellezza per bambine cui vuole assolutamente partecipare), è il risultato di cinque anni di sfortunata lavorazione da parte dei coniugi Jonathan Dayton e Valerie Faris, che hanno un rapporto anche professionale che vanta una lunga serie di premiati video e documentari musicali su alcuni nomi tra i più importanti della scena pop-rock anglosassone. Questo è il loro primo lungometraggio e direi che non parte per nulla male, sulla scia di quello che davvero dal mio punto di vista sta diventando un “Genere coi fiocchi”, come ho sottolineato anche per The Royal Tenenbaums o per Il calamaro e la balena!
Nella sceneggiatura di Michael Arndt (che ben merita l’Oscar che ha ricevuto) si ritrova un campionario di eccentricità umane che come al solito simpaticamente ti fanno sentire parte dell’umanità, portando avanti personaggi nei quali ogni tanto ci si possa almeno un po’ riconoscere (con la famiglia che mi ritrovo e dato che giro con lo stesso mezzo del film, queste pellicole forse avrei potuto scriverle io prima che diventassero di moda!). A parte gli scherzi, il film oscilla nel tragicomico: da una parte gli eventi drammatici virano rapidamente in farsa, e dall'altra, a forza di accenti paradossali, i vincoli di solidarietà si dimostrano imprevedibilmente saldi anche in una famiglia "scoppiata" sì, ma alla fine meno di quelle "normali" piene di deleterie aspettative sui propri pargoli, trasformati in caricature di adulti pronte ad immolarsi al mondo dello spettacolo.
Un’altra di quelle pellicole da consigliare il più possibile, quantomeno per rimettersi di buon umore tutto d’un fiato, senza inutili divagazioni, nella maniera più spontanea e divertente possibile, in atmosfere nelle quali con due parole si dice tutto e lo si fa facendosi capire davvero. E’ un bene che esistano ancora storie che ci facciano pensare sempre a quanto siamo tutti assolutamente folli e a quanto poco serva, per vivere bene, inserirsi faticosamente nei più svariati ambienti o trasformarsi in altro nel tentativo di farsi amare. Una bella e necessaria critica all’idea del successo come fonte della felicità.
Mentre la frase che più viene ricordata di questa interessante pellicola è "Il mondo si divide in due categorie: vincenti e perdenti. Sapete qual è la differenza? I vincenti non si arrendono mai", io invece direi che quella che più rappresenta dal mio punto di vista il senso del film è : “Cosa sta facendo sua figlia?!”, detto da una delle organizzatrici del concorso di bellezza al padre, di fronte all’innocente spogliarello di Olive; risposta:” Mia figlia? Sta facendo…quel cazzo che vuole!!”.
Un film da rivedere e rivedere…
Da notare la colonna sonora Composta da Mychael Danna in collaborazione con i DeVotchka e la partecipazione di Sufjan Stevens, quello del bellissimo No Man’s Land di Danis Tanovic, per intenderci.

3 commenti:

maso.c ha detto...

vero Leda questa sceneggiatura è implicitamente tua, anzi, non fare la modesta e ammetti il tuo contributo!
comunque, cosa mi è piaciuto:
-l'incipit che descrive i personaggi, senza una parola abbiamo una perfetta descrizione dei caratteri.
-appunto, i personaggi, veramente tutti azzeccati e divertenti/perdenti.

cosa non mi è piaciuto:
-quello che non mi piace di tutti i film americani mainstream, troppo ben impacchettato, con finale riconciliatorio.
- road movie si, ma gli snodi narrativi non dipendono dall'essere in viaggio: il ragazzo è daltonico, il nonnno muore di overdose, il papà non pubblica... poteva accadere tutto mentre passavano un weekend al centro commerciale..
Di bello c'è che con il volkswagen scassato hanno girato la più bella scena del film: quella in cui tutti rincorrono il pulmino per salirci a bordo..

baskjev ha detto...

carino..l'avevo detto io..

per il discorso road movie..bhé sì maso, però un poco c'è.
innanzitutto la convivenza forzata in un furgoncino che fa scoppiare gli snodi narrativi..
poi l'idea del viaggio è cmq presente, l'ambizione della bambina è di avere accesso al mondo "altro" che è quelllo soleggiato della destinazione..e ovviamente in questo luogo così diverso e "Perfetto" (la sicurezza..il rispetto delle regole) i nostri outsiders si scontrano e si riuniscono..

d'accordissimo sul finale un po' troppo quadrato e telefonato.
però per l'appunto è un film "di sceneggiatura"

ah
sì, un cast eccezionale
il nonnino l'ho trovato alquanto banale cmq.
non so...troppo già visto...(la comicità degli opposti..alla monty...sai, la vecchina che si droga e picchia la gente..)
gli altri...una meraviglia

leda ha detto...

Si, avete ragione, in effetti il finale è anche troppo riconciliatorio, avrei tagliato dal girotondo della famiglia sul palco in poi, lasciando per ultima la frase che ho sottolineato, comunque tutto il resto, a parte le giuste osservazioni, mi fa passare al volo sopra qualunque imperfezione!!
Comunque è vero, ve lo assicuro, che sia i Volkswagen che i Fiat Plain Air vanno avanti in terza e quarta anche quando è rotta la frizione!!