venerdì 9 febbraio 2007

Charlotte Gainsbourg


Son cinquant’anni che si fan film sull’ Incomunicabilità e son più di cento che si fan film coi sogni. Ma non per questo ne ho abbastanza, anzi ben vengano quelle belle scene oniriche che piombano senza alcuna dissolvenza. Ultimi due esempi visti: The Science of Sleep e NuovoMondo.
Quello di Crialese è un gran pezzo di Cinema, l’emigrante Salvatore sogna un’ America dai pomodori giganti e bagni di latte, mentre il bel messicano Stéphane, probabile reduce da una festa al peyote, fa una gran fatica a capire quando sta sognando e quando sta vivendo una non certo esaltante realtà. Noi si fa po’ meno fatica a capirlo. Ma il risultato funziona e per certi versi è anche meglio del plurilodatointerra Eternal Sunshine of the spotless mind. Se non altro perché qua, con una produzione tutta francese e per nulla hollywoodiana (meno money), è dovuto tornare all’abc del fantastico:
carta forbici e colla, fondali dipinti, pupazzini di pongo, stop tricks eccetera. Melies e Segundo do Chomon sarebbero stati fieri di lui.
Ma a parte questo la cosa che più mi incuriosiva è la presenza in entrambe della francese Charlotte Gainsbourg.
Per l’appunto ho visto quasi uno dopo l’altro i suoi ultimi due film, ma ancora mi sfugge qualcosa di lei…non saprei..
ma per voi, ci sa fare ed è una gran figa o fa cagare?

PS Baskjev, fammi vedere tu come usi l’I-photoshop…

4 commenti:

strega ha detto...

a dire la verità nell'arte del sogno, è davvero azzeccata. non è propriamente una gran figa, ma questo fa di lei un'attrice attraente e fuori dall'ordinario. direi che ci sta insomma...quante punti gli date voi a Gondry?

baskjev ha detto...

tra cinema e sogno c'è un legame ben più stretto (e forse pertinente) tra cinema e incomunic. (non entriamo in questo vicolo, che dopo la mia vecchia tesi se vedo un sogno in un film mi strappo i capelli e li mangio al posto dei popcorn).
ovviamente nn ho visto nessuno dei due film..ma una domanda..ho capito cosa volevi dire, ma nn credi che se melies fosse nato 20anni fa, i film lui li farebbe in maya?

ah, con me photoshop è un po' come una bella donna che corteggi per ore e lei un po' te la fa annusare, un po' ti dà giusto il contentino, ma una vera fiondata..mai...quindi astinenza..

maso.c ha detto...

Melies si sarebbe fiondato la maya e l'altra donna che corteggi per ore... pero' in science of sleep non si vuole mimetizzare l' effetto speciale, ma sbatterlo bello in evidenza , un po' come l'astonave nell' occhio della luna...
strega: Gondry mi piace molto, poi leggevo che era un po' in paura da prestazione senza avere lo sceneggiatore ultracclamato Kaufman, comunque, per me, in questo film, mission accomplished.

leda ha detto...

Nuovo Mondo è uno dei più bei film che abbia visto di recente. Mi ricordo di essere uscita dal cinema e di aver detto:< Ma com'è che di punto in bianco, in questo clima allo sfacelo, viene fuori un film così perfetto: nei tempi in particolare, che nonostante scene lunghe e immagini sulle quali ci si sofferma ad osservare, vola via liscio come l'olio, ti dice tutto quel che intendeva dire, ti stupiusce perchè proprio non te l'aspettavi e se ne va via con tutta questa carica visiva che tui resta dentro?!!!> Non credo che dimenticherò facilmente il colore dei capelli di Lucy, la partenza della nave dalla bancina vista dall'alto (bellissima!!), il paesaggio siculo crudo e arido più che mai e le parole della nonnina.
Per me, un piccolo gioiello senza impurità e del tutto originale.
Per quanto riguarda la Gainsbourg devo ancora farmi un'opinione sui di lei come cantante...esteticamente mi attrae molto: ha quell'aspetto criptico che le può far dire tutto o nulla, certamente una bellezza particolare, sfruttabile e molto meglio delle attrici biondo-standard che imperversano al cinema, tuttavia non so, troppo presto per definirla come attrice, oppure io su di lei so troppo poco.